I NUOVI SMARTPHONE DI CASA SAMSUNG: IMBATTIBILI NELLE IMMERSIONI, TEMONO ANCORA CADUTE E MARCIAPIEDI

I NUOVI SMARTPHONE DI CASA SAMSUNG: IMBATTIBILI NELLE IMMERSIONI, TEMONO ANCORA CADUTE E MARCIAPIEDI

Milano, 14 marzo 2016 – I nuovi Samsung Galaxy S®7 e S®7 Edge sono gli smartphone di ultima generazione più resistenti all’acqua ma, in caso di caduta, le prestazioni dello schermo non sono all’altezza di quelle dell’ iPhone® 6s, il cui vetro rinforzato agli ioni si è dimostrato ancora una volta il più resistente . Questo è quanto emerge dal test di resistenza condotto da SquareTrade sugli ultimi nati in casa Samsung.

In occasione del lancio sul mercato mondiale degli ultimi modelli prodotti dalla multinazionale sudcoreana, i risultati dei rigorosi “Breakability Test” appena effettuati da SquareTrade forniscono indicazioni utili ai potenziali acquirenti sul grado di resistenza all’acqua, di fragilità e di flessibilità.

NUOVI STRUMENTI DI MISURAZIONE. Per misurare la solidità dei nuovi smartphone Samsung, la strumentazione utilizzata da SquareTrade si è arricchita questa volta di due nuovi macchinari specificamente progettati: il Dunkbot è un dispositivo che ha permesso di tenere gli smartphone immersi in un metro e mezzo d’acqua per 30 minuti

Il TumbleBot è invece un apparecchio che, ruotando ad una velocità di 50 giri al minuto fa ripetutamente cadere e rotolare gli smartphone per 30 secondi. In questo caso, la finalità è quella di osservare eventuali danneggiamenti a fronte delle frequenti cadute accidentali di cui i nostri telefoni sono spesso “vittime”.

IL VIDEO DEI TEST SU YOUTUBE: Guardalo adesso.

RESISTENZA ALL’ACQUA. I risultati ottenuti del test con il Dunkbot hanno dimostrato che il Samsung S7 ed il S7 Edge sopravvivono entrambi a 30 minuti di immersione, anche se l’audio di entrambi si è attutito e distorto. Decisamente peggio è andata all’iPhone 6s che ha riportato danni irreparabili ad audio e schermo mentre il 6s Plus ha cominciato a mostrare malfunzionamenti dopo dieci minuti ed a smesso di funzionare del tutto dopo 24 minuti.

CADUTE ACCIDENTALI. Nelle prove con il TumbleBot, invece, iPhone 6s è stato l’unico ad essere uscito indenne dal test di caduta ripetuta. Il Samsung S7 ed il S7 edge hanno subìto seri danni ai rispettivi pannelli posteriori mentre sugli schermi si sono riscontrate fessurazioni di minor rilievo. Lo schermo dell’ iPhone 6s Plus, al contrario, si è letteralmente ridotto in frantumi.

Resistenti ai marciapiedi? No. Lasciati cadere sugli spigoli da un’ altezza di 1 metro e ottanta, il Samsung S7 si è rotto alla quarta caduta ed il S7 edge è risultato completamente inutilizzabile dopo la settima. Il S7 è andato in frantumi alla prima caduta frontale ed il S7 edge alla seconda.

FLESSIBILITA’. Infine si registrano ancora ancora problemi di flessibilità per Samsung. Le prestazioni del S7 edge durante il test di flessibilità sono risultate essere le stesse del suo predecessore S6 edge. Non solo si è rotto già sotto i 50 kg di pressione, ma ha subito danni irreparabili a meno di 68 kg. Il S7, invece, ha resistito a 77 kg di pressione, proprio come l’iPhone 6s.

“I nuovi smartphone della Samsung riescono a resistere immersi sotto un’impressionante colonna d’acqua, ma hanno ancora serie difficoltà a raggiungere i livelli di prestazione degli Iphone in termini di resistenza dello schermo”, dice Aileen Abaya, Direttore della comunicazione di SquareTrade. “Quindi S7 e S7 edge potrebbero essere perfetti per gli amanti delle immersioni, ma quelli fra noi un po’maldestri e soggetti ad incidenti dovranno prestare ancora molta attenzione a cadute di ogni tipo”.

(immagine: © Squaretrade)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

13 − sei =